Villa Duodo,

un gioiello di Vincenzo Scamozzi

A metà costa del Colle della Rocca è collocato il complesso architettonico denominato Villa Duodo, costruito dalla nobile famiglia veneziana Duodo sulla base dell’antico castello detto di San Giorgio.

A destra, l’ala più antica risale al 1593 ed è opera dell’architetto Vincenzo Scamozzi. La parte frontale, aggiunta nel 1740, è la più recente. A sinistra del complesso si sviluppa l’esedra dedicata a San Francesco Saverio, una grande scalinata in pietra del 1600.

Il più importante complesso monumentale religioso di Monselice

La villa, visitabile solo esternamente, è preceduta dal percorso delle Sette Chiese.
Il santuario giubilare, progettato dallo Scamozzi su commissione dei conti Duodo nella prima metà del ‘600, è formato da 6 cappelle allineate lungo il colle, e da una settima chiesa, San Giorgio, che chiude idealmente il percorso devozionale sulla spianata della villa.

simbolo-castello-di-monselice-padova-veneto

“Il complesso di villa Duodo, nella sua configurazione originaria prima delle trasformazioni settecentesche, si articolava in tre elementi: una villa belvedere addossata all’antica torre medievale, una piccola chiesa-oratorio a pianta ottagonale con cupola e sei cappelle che si snodano lungo un percorso liturgico che culmina con quest’ultima.

È Scolari nell’Ottocento ad attribuire il complesso a Scamozzi, fissando al 1593 l’inizio dei lavori della chiesa e della villa e al 1605 l’inizio delle cappelle. Protagonisti della vicenda, i fratelli Francesco e Domenico Duodo e il figlio del primo, Pietro. Francesco Duodo (1518-1592) è un appassionato collezionista e insieme un uomo d’azione. Con il fratello Domenico raccoglierà uno degli “studi d’Anticaglie” più noti di Venezia, lodato da Francesco Sansovino nel 1581, ma già nel 1538 è impegnato nella marina militare delle Repubblica, iniziando una carriera che lo vedrà responsabile della realizzazione estensiva delle quinqueremi inventate da Vettor Fausto e di nuovi pezzi d’artiglieria potenziati, che lo renderanno uno degli artefici della vittoria di Lepanto. Coinvolto sin dal 1546 nel governo dello Stato, ne percorre tutti i gradi sino ad essere nominato nel 1587 Procuratore de Ultra, nonostante la forte opposizione del gruppo dei “giovani”: Francesco, come tutta la propria famiglia, è di noti sentimenti filopontifici, elemento importante per comprendere il senso del complesso di Monselice.

Il progetto per villa Duodo è particolarmente affascinante per il sapiente utilizzo delle preesistenze, nello specifico le murature fortificate che insistevano sul colle sin dal Medioevo. Il patio cui appoggia la villa, infatti, altro non è che la struttura dell’antica rocchetta, che Vincenzo acquisisce al proprio progetto, trasformandola in una sorta di sala a cielo aperto. Ad essa Scamozzi appoggia un corpo edilizio profondo appena sette metri, ripartito in quattro ambienti simmetrici secondo la linea mediana. Dall’andito centrale si accede direttamente al corpo dell’antica torre, che Scamozzi rende parte integrante dell’edificio, rivestendolo di una intelaiatura di paraste e scavando nelle spesse murature tre profonde nicchie forate da alte aperture. In questo modo l’architetto seleziona le viste dell’osservatore sul paesaggio, altrimenti infinito, secondo tre assi visivi predeterminati. L’iscrizione “Nova liberalitate veteres instauratae ruine” che campeggia sul timpano di un disegno di progetto per la villa, richiama da un lato la liberalità dei committenti (collezionisti di “anticaglie”), ma anche l’abilità dell’architetto nel recupero delle antiche strutture.”

(Beltramini Guido, testo introduttivo della pubblicazione Borsa di ricerca Aldo Businaro I edizione, “Patriziato veneto e governo del territorio padovano tra Cinque e Seicento”, anno 2021)

Prenota una visita

Prenota una visita

Prenota la tua visita comodamente da casa.
Risparmi tempo ed eviti di fare la fila all’entrata del Castello.

Il castello per te

Organizza il tuo evento


Il Castello di Monselice mette a disposizione gli ambienti per organizzare un evento speciale,
un convegno, il tuo matrimonio, una gita scolastica, un set cinematografico e altro ancora